Benvenuto su Vasco Caffè

Iscriviti alla newsletter e ricevi un buono sconto del 5% valido per il tuo primo acquisto

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalitá di cui ai punti a) e b) dell'informativa

x
Spedizione gratuita
per ordini superiori a 69,00

CAFFÉ, IL POTERE SEGRETO CHE POCHI CONOSCONO

13 Marzo 2019

Quali sono gli effetti del caffè sull’organismo? Chiunque risponderebbe a questa domanda elencando le capacità energetiche e stimolanti della bevanda. Come dimostrano innumerevoli studi scientifici, infatti, il caffè è una miniera di benefici per la salute ed il benessere fisico: è ricco di sostanze nutritive preziose per l’organismo, rappresenta una preziosa fonte di antiossidanti, stimola le funzioni cerebrali, contribuisce ad aumentare il metabolismo e a bruciare i grassi.

Ma i benefici del caffè non finiscono qui: secondo uno studio firmato da Eugene Y.Chan della Monash University di Melbourne (Australia) e Sam J. Maglio dell'Università di Toronto (Canada) e pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition anche solo guardare qualcosa che ricordi la caffeina potrebbe stimolare la mente.

Basterebbe quindi anche solo osservare una tazzina di caffè per essere subito più lucidi e reattivi e, esposti a stimoli correlati al caffè, i partecipanti allo studio percepivano il tempo come più breve e sono arrivati a pensare in termini più concreti e precisi.

"Volevamo verificare se esistesse un'associazione tra caffè ed eccitazione mentale, al punto che esporre semplicemente le persone a stimoli correlati al caffè potesse aumentarne l’attivazione fisiologica, come avverrebbe se effettivamente bevessero il caffè – spiega il dott. Sam Maglio - gli individui che sperimentano l'eccitazione fisiologica a causa dell’effetto priming e non perché bevono il caffè, vedono il mondo in termini più specifici e dettagliati. Questo ha diverse implicazioni su come le persone elaborano le informazioni, formano opinioni e assumono decisioni”.

Lo studio ha infine rilevato un maggiore effetto sul comportamento nei soggetti occidentali rispetto ai partecipanti di origine orientale che, in base ai dati dello studio, risentono meno del consumo di caffè e maggiormente del consumo di tè.

Condividi